Arrivano gli occhiali ‘smart’ anomali, non sfruttano lo sguardo ma l’udito.

(a cura di Francesca Lagoteta) Bose, la società statunitense di altoparlanti e sistemi audio, entra nella realtà aumentata con un paio di occhiali ‘smart’ anomali, che non sfruttano la sguardo ma l’udito: invece di mostrare immagini all’utente, gli danno informazioni via audio. Annunciati alla manifestazione South By Southwest in corso in Texas, dove sono stati…